AdobeStock_54855206jpegConsulenza Psicologica e percorsi psicoterapeutici per l'individuo, la coppia, la famiglia. 

Psicoterapia ad orientamento sistemico relazionale

I bambini sono attenti osservatori delle emozioni profonde dei genitori. Ricercano nei loro occhi la conferma continua di essere amati e sono disposti a tutto pur di non perdere questo amore. Sono in grado di assorbire gli stati d’animo più intimi dei genitori, di cui loro stessi hanno meno consapevolezza e farli propri.

Si trovano così a gestire pesi che non comprendono, ma avvertono il dovere di farlo poiché ne va della loro sopravvivenza diventando così alleati fedeli dei genitori. Il bambino, in base alle informazioni che raccoglie intorno a sé, tende a costruirsi una storia della vita familiare, su come è venuto al mondo, su come si strutturano i rapporti affettivi. 

Il bambino ha come punto di riferimento l’ambiente in cui nasce, lo considera l’unico modello possibile, non ha la consapevolezza che invece è solo uno dei modelli possibili. Tutte le relazioni genitori-figli sono influenzate dallo schema di comportamento interiorizzato dei genitori precedenti, dai bisogni rimasti inappagati, da ciò che non è andato bene o ha fatto soffrire e che i figli non dovranno subire.

L’illusione iniziale che sostiene i genitori è che, nella nuova relazione, si riescano magicamente a ricucire le ferite del passato. Il rapporto con il figlio viene caricato di aspettative e gli si chiede, già prima che nasca e possa esprimere la sua personalità, di riscattare gli “errori” subiti nelle relazioni passate.

La trasmissione psichica influisce in modo determinante nella costruzione del Sé molto di più del patrimonio genetico. Tutto ciò che il figlio sperimenta nella vita in comune con i genitori, attraverso le cose dette e non dette, i gesti, i comportamenti, entra a far parte della sua memoria e va ad incidere profondamente nella strutturazione della sua personalità. Nella vita quotidiana, fatta di piccoli rituali, sta la memoria della famiglia, memoria indispensabile a creare il senso di continuità del gruppo.

I messaggi non verbali sono molto importanti nella formazione del bambino. Questi “legge” e registra quotidianamente le azioni dei genitori e soprattutto nei casi di incongruenza tra parole e fatti, di fronte ai silenzi o ai vuoti del non detto, tenta di darsi delle risposte da solo. Quanto il bambino respira nell’ambito familiare influisce sulla strutturazione di elementi di personalità per imitazione o per opposizione alla cultura familiare e va a costituire il suo carattere, il suo essere nel mondo.

Nel figlio si fissa una storia che appartiene al passato ma che tramite lui torna attuale, il tempo si fa circolare e si concretizza un eterno presente. Se il bambino sperimenta un genitore soddisfatto della propria identità, può mettere in atto un’identificazione ripetitiva di quanto viene mostrato; se invece percepisce che il genitore mostra come facciata un “falso Sé”, dietro cui si celano ambizioni frustrate, può identificarsi con questo aspetto nascosto.

Se poi, nel corso della vita, il figlio non riesce a realizzare le ambizioni dei genitori, la delega può passare alla generazione successiva. Il soggetto assorbe, inconsapevolmente, soprattutto ciò di cui non si parla, attraverso divieti, rituali, abitudini: tutto ciò prende forma dentro di lui e vi resta in maniera indiscussa e invariabile. Solo se viene riportato a livello di coscienza, il soggetto può rendersi conto dell’influenza che questo patrimonio ha nella sua vita. Il bambino ha così due parti contemporaneamente presenti in lui: una desiderosa di essere se stessa e di seguire le proprie istanze vitali, l’altra costretta a modellarsi secondo richieste tramandate nelle generazioni.

Ogni famiglia composta da due coniugi e dei figli, non finisce in se stessa, perchè dietro il padre e la madre, c’è un lascito dalle rispettive famiglie di origine, verso cui viene mantenuta una forma di devozione. La creazione di un nuovo nucleo sarà tanto più difficile quanto più forte è il senso di appartenenza alla famiglia di origine, che ostacola l’accettazione di altre discendenze.

schutzpng



prova1smallpng personapng

coppiasmalljpg coppiapng

provafamigliapng famigliapng

provaskypepng skypepng

geno1jpg genogrammapng

docpng

homepng